Il territorio

La Maddalena e Garibaldi

Un viaggio a ritroso nel tempo che lega ancora oggi la Maddalena a Garibaldi

La Maddalena fa rima, davvero, con Maldive. A ben vedere non c’è nessuna differenza tra i due mari, solo che quello dell’isola nell’isola è frastagliato, pieno di sorprese, di insenature e di stupefacente bellezza, con la sabbia che si divide con lo scoglio, col mare che non si sa mai da quale parte "arrivi” proprio per le tante calette. 

Poche le parole per riuscire a spiegare tanta bellezza, che si sviluppa nelle isole, che sono sempre di più visitate da turisti provenienti da tutto il mondo. Non c’è pezzo di mare che non offra la sua peculiarità agli occhi dei visitatori, non c’è anfratto che non rimanga nel cuore. A questo ci si è anche aggiunto il valore simbolico di Caprera, la casa Bianca del grande eroe Giuseppe Garibaldi, che può essere visitata e che, anzi è tra i siti più frequentati dell’intera Italia. E’ però la sua caratteristica di turismo naturalistico a fare una differenza importante negli arrivi: chi viene alla Maddalena vuole vedere la natura si vuole immergere, nel senso reale della parola, in un posto intonso. 

Qualche volta le vicende dell’isola hanno anche portato a situazioni che potevano mettere in serio dubbio l’equilibrio ecologico. Poi, però pian piano meno navi, mano sommergibili, meno rotte pericolose davanti alla Maddalena, più controlli. Ed il parco marino, che interessa pure la Francia è diventato più attrattivo. Diventano intanto sempre più raffinate le strutture ricettive della Maddalena, che mantengono comunque un elemento di sobrietà che è così tanto gradito. Niente mega relais, che sarebbero sempre pieni ma piccoli alberghi, così tanto amati dai turisti.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.